Terremoto nel Belice, perché raccontarlo ancora

Sono nata nel 1991 in un paese della Valle del Belice, e precisamente a Castelvetrano, il comune in cui il fiume Belice raggiunge il mare. Del terremoto del 1968 ho sentito parlare solo qualche volta, nei racconti di famiglia. Genitori, nonni e zii mi hanno descritto cosa stavano facendo in quel momento, dove si trovavano, e come cambiarono le loro vite dopo il sisma. Come me, anche la maggior parte dei miei coetanei belicini può contare su questo tipo di memoria storica, che è preziosissima, ma intima, privata.

Il terremoto nel Belice, però, come tutte le catastrofi naturali, non è stato un avvenimento privato. È stato un fatto pubblico, che ha influito sulla storia di tutti i centri colpiti. La ricorrenza del cinquantesimo anniversario dal sisma è un’occasione unica per riguadagnare la dimensione pubblica di questo fatto storico. Solo così chi non ne ha memoria può scoprire come sono andate le cose e perché, mentre chi lo ha vissuto in prima persona può avere l’occasione di guardarlo con una nuova luce.

A questa considerazione se ne aggiunge un’altra, secondo me ancora più importante: il terremoto del 15 gennaio 1968 nel Belice è stato unico e irripetibile per molte ragioni diverse, spesso ignorate dai miei coetanei e non solo. Eccone alcune:

  1. il ’68 è stato l’anno delle proteste dei movimenti studenteschi e delle lotte per i diritti civili. Chi pensa che la storia del Belice non sia stata influenzata da questo si sbaglia;
  2. il terremoto ha colpito una zona dove già si moriva di fame o di lupara, con un grado di alfabetizzazione molto basso e un tasso di emigrazione abbastanza alto. Questo, ovviamente, non ha semplificato le cose;
  3. quella del Belice è stata la prima catastrofe naturale dell’Italia repubblicana, che si è fatta cogliere del tutto impreparata. Basti pensare che all’epoca non esisteva neanche la protezione civile. Per questo, potremmo dire che la Valle del Belice ha fatto da cavia. È diventata un campo di sperimentazione per tutti i terremoti e le catastrofi successive. Alcuni errori commessi dalle autorità nel Belice sono stati ripetuti, altri invece no. Cinquant’anni sono un tempo sufficiente per guardarsi indietro e capire cosa è andato storto;
  4. la storia del Belice non è fatta solo di distruzione, morti e speculazione nella ricostruzione. È fatta anche di proteste e lotte da parte dei suoi abitanti, che hanno dovuto e saputo organizzarsi, e talvolta hanno anche ottenuto ciò che chiedevano a gran voce;
  5. infine, le vicende del terremoto si intrecciano alle storie di personaggi importanti per il territorio, che hanno lasciato segni – positivi o negativi, talvolta entrambi – nella Valle del Belice. Conoscerli è fondamentale per comprendere come le scelte fatte hanno influenzato il Belice di oggi.

Per tutte queste ragioni, raccontare il Belice (di ieri e di oggi) è importante. Qui proverò a farlo con semplicità e accuratezza. Chi volesse, può accompagnarmi in questo viaggio, si concluderà nel 2018. Quanto all’inizio… no, non è il 15 gennaio del 1968. Risale a molti anni prima. Presto vedremo perché.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...